Ambulatorio di borgata

dottore

Proponiamo la creazione da parte del Comune di PUNTI SANITARI DI BORGATA (PSB) locati in aree periferiche del territorio comunale, dove si potrebbe dare una parziale risposta ai bisogni sanitari di quella parte della popolazione più svantaggiata da un punto di vista geografico.

In essi potranno turnare tutti i Medici di Assistenza Primaria (Medici di Famiglia e Medici di Continuità Assistenziale-Ex Guardia Medica) dell’Ambito di Giaveno del Distretto Sanitario Locale, potranno effettuare passaggi le Infermiere del Territorio per prelievi ed esami strumentali di primo livello, quali elettrocardiogrammi e infine gli specialisti del Poliambulatorio del Capoluogo potranno occasionalmente effettuare visite specialistiche, inoltre si potranno inviare per via informatica i referti degli esami ematologici e/o strumentali, infine, considerando anche l’introduzione della “ricetta elettronica dematerializzata” si potrebbe organizzare in essi un sistema centralizzato di invio di medicine in collaborazione con le farmacie.

ORGANIZZAZIONE

ATTIVITA’:

  • Visite di Medicina Generale, prescrizione farmaci ed esami. Consegna e commento esami, consegna farmaci.

Questo presuppone da parte dei Medici di Famiglia e di Continuità Assistenziale la condivisione della Cartella Sanitaria dei pazienti, passaggio già previsto dal Patto per la Salute nell’ambito della costituzione delle Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) dei Medici di Base.

Inoltre l’Ambulatorio, andrà collegato per via Informatica al Laboratori Analisi di Rivoli, per poter ricevere i referti degli esami ematologici, stessa cosa andrà fatta per ricevere dal Poliambulatorio di Giaveno i referti degli esami strumentali.

  • Prelievi ematologici e Elettrocardiogrammi a cura del Personale Infermieristico
  • Visite Specialistiche svolte dagli Specialisti del Poliambulatorio di Giaveno.
  • Consegna di farmaci a cura di personale comunale.

 

ORARIO:

  • Tre ore settimanali di presenza del Medico di Famiglia, alternate al mattino, una settimana ed al pomeriggio, la settimana successiva, cosicchè, anche se gli ambulatori fossero due, l’impegno per i 12 sanitari giavenesi, considerando che si potrebbero coinvolgere anche gli 8 medici di Continuità Assistenziale, sarebbe minimo.
  • Due passaggi settimanali di un’ora e mezza ciascuno delle Infermiere del territorio.
  • Eventualmente un’altra ora settimanale da riservarsi a visite specialistiche

 

DOTAZIONE STRUMENTALE:

  • sfingomanometro
  • saturimetro
  • otoscopio
  • glicometro
  • stick per urine
  • schizettone
  • elettrocardiografo
  • lettino
  • bilancia
  • computer portatile
  • connessione ad Internet

L’ASL TO3 potrebbe fornire l’apparecchiatura sanitaria, è evidente che tale strumentazione non comporterebbe un costo eccessivo, mentre il Comune potrebbe fornire il computer portatile e la connessione ad Internet.

COMPENSI:

  • Personale Medico

Diverse possibilità:

1) circa 27 euro all’ora che è lo stipendio base della Continuità Assistenziale (ex guardia medica), tale cifra potrebbe essere fornita dall’ASL magari col concorso del Comune, si tratterebbe di circa 324 euro mensili per ambulatorio

2) in alternativa si potrebbero esonerare i Medici di Famiglia, che aderissero al progetto, dalla reperibilità il sabato mattina dalle 8 alle 10, ampliando l’orario della Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) di due ore al sabato mattina. Il costo totalmente a carico dell’ ASL TO 3 sarebbe sempre di circa 324 euro.

Una modalità per sovvenzionare l’attività del PBS potrebbe essere quello di affittare i locali dello stesso ambulatorio ad un sanitario, Medico di Medicina Generale o Medico Specialista, nelle ore di chiusura del PBS.

 

  • Personale Medico (specialistico)

Eventualmente una piccola parte delle ore previste per il Poliambulatorio di Giaveno potrebbe essere effettuata nel Punto Sanitario di Borgata (PSB), oppure si potrebbe richiedere una piccola implementazione delle ore di specialistica del nostro Distretto per rispondere ai bisogni del PSB.

  • Personale Infermieristico

Infermiere territoriali in organico del Distretto di Giaveno, eventualmente il Comune di Giaveno potrebbe coprire le spese per avere 12 ore mensili per ambulatorio di assistenza infermieristica, si tratterebbe di una cifra modesta.

 

COLLOCAZIONE:

 

In edifici di proprietà del Comune attualmente inutilizzati

 

SERVIZI AGGIUNTIVI:

il Comune potrebbe organizzare, per quelle tre ore settimanali, un servizio di navetta, magari su prenotazione, nell’ambito della borgata, per facilitare l’accesso al servizio dell’utenza.

Ex Da Rocciette a Maddalena…..il costo sarebbe ridotto vista l’esiguità dell’orario e le distanze ridotte.

Progetto elaborato dal Dottor Arnaud Maurizio

Progetto protocollato in data 09/10/2014 presso il comune di Giaveno

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *